Home page

IL PUNTO NAVE ASTRONOMICO

Corso online di Astronomia Nautica

precedente               seguente

Il sestante - Come si usa

Angolo
Movimento alidada
Puntamento Sole    


L'USO DEL SESTANTE

Il sestante si impugna con la mano destra (non esistono sestanti per mancini!), e per garantirne la stabilitÓ, si poggia il dito indice della mano sinistra sull'estremitÓ anteriore del lembo menttre con il pollice e il dito medio si regola il movimento micrometrico del tamburo.
Per la misura dell'altezza di un astro si possono usare diverse tecniche; la migliore Ŕ quella del "puntamento" dell'astro.
Si mette il sestante a zero, in modo che immagine diretta e immagine riflessa coincidano, dando luogo, nell'oculare ad una unica immagine dell'astro.
Si punta attraverso l'oculare l'astro, con l'apposita leva si sgancia il tamburo dalla filettatura in modo da rendere l'alidada libera di scorrere e, lentamente, si ruota verso il basso il sestante.
Cio˛ comporta che l'immagine dell'astro esca dal campo visivo dell'oculare. Per mantenerla nel campo visivo, occorre muovere lentamente l'alidada in avanti, in modo da compensare la rotazione del sestante.
Si continua con questa serie di movimenti coordinati sino a quando nell'oculare non appare l'orizzonte, rimanendo visibile l'immagine riflessa dll'astro, cosý portata, come si dice, sull'orizzonte.
A questo punto si ingrana il tamburo e con piccole rotazioni si collima la posizione dell'astro con la linea dell'orizzonte.
Se si tratta di Luna o di Sole, si procede a collimare con l'orizzonte il lembo inferiore dell'astro. Nel caso della Luna, quando non Ŕ piena, sarÓ talvolta necessario collimare il lembo superiore.
La fase di collimazione dovrÓ essere acccompagnata da un leggero ma accentuato movimento di rotazione destra-sinistra attorno all'asse ottico dell'oculare del sestante in modo l'astro descriva descriva un arco di cerchio come se fosse un pendolo.
Il punto, e l'istante, di collimazione si ha quando l'astro, o il suo lembo inferiore o superiore, nel suo moto pendolare risulta tangente alla linea dell'orizzonte.
In quel momento si legge l'istante (ora, minuti e secondi) che segna il cronometro.
Il valore segnato dallo strumento, andrÓ corretto con la correzione d'indice, che si avrÓ avuto cura di determinare in precedenza.

ATTENZIONE! Quando si osserva il Sole ricordarsi di posizionare TUTTI i filtri colorati, e poi di togliere gradualmente quelli che non servono, per avere una adeguata protezione dell'occhio.

Tutte queste operazioni sono riproducibili con il software sopra allegato.



precedente        Inizio pagina       seguente